Invalidità civile

Lo studio legale Orlando offre un puntuale servizio di assistenza e consulenza legale per le richieste di invalidità civile.
Prenota Appuntamento
Contattaci

La nostra assistenza per invalidità civile

Ogni attività è finalizzata al raggiungimento dei benefici economici spettanti agli invalidi di qualsiasi tipologia. Il cliente sarà accompagnato durante tutto il procedimento, dal semplice invio della domanda fino alla liquidazione economica della prestazione riconosciuta.

Un’assistenza legale completa ed esauriente

Con oltre 20 anni di consolidata esperienza alle spalle, lo Studio Orlando garantisce la più totale collaborazione al fine di ottenere l’invalidità civile nel minor tempo possibile ed il relativo beneficio economico da essa derivante.

I migliori professionisti a disposizione

Lo Studio Orlando dispone di un proprio team di esperti avvocati e consulenti medico-legali che seguiranno ciascuna pratica di invalidità in ogni sua fase fino al completamento dell’iter amministrativo e/o giudiziario.

Consulenza medico-legale gratuita in sede

Il cliente potrà ricevere assistenza medico-legale per la tutela delle persone con disabilità, minori con deficit e tutti coloro che sono affetti dalle più svariate patologie. La consulenza medico-legale è assolutamente gratuita presso la sede dello studio.

Tanti servizi per un unico obiettivo

Grazie ai suoi fidati avvocati, nonchè grazie alla costante assistenza medico legale gratuita in sede, lo Studio Orlando è in grado di assistere i clienti nei procedimenti di invalidità civile, inabilità/invalidità lavorativa, indennità di accompagnamento, benefici ex Legge 104/92 e molto altro ancora.

Pensi di aver bisogno del nostro servizio per problemi  sul riconoscimento della tua invalidità?
Contattaci senza impegno

Contattaci

5170

clienti soddisfatti

250

cause vinte

423423

di rimborsi ottenuti

450

avvocati a disposizione

I benefici per i quali chiedere assistenza

Invalidità civile

Il cliente sarà supportato nella presentazione dell’istanza di invalidità civile tramite il portale telematico. È possibile inoltrare richiesta per tutte le invalidità, tra cui sordità, cecità e disabilità di vario genere.

Prestazioni a favore dei lavoratori ex L. 222/84

I lavoratori affetti da gravi patologie e perciò impossibilitati a proseguire la loro attività lavorativa possono chiedere la pensione d'inabilità. I lavoratori, dipendenti o autonomi, con una ridotta capacità lavorativa invece possono chiedere l'assegno ordinario d'invalidità. In entrambe le ipotesi lo Studio Orlando assiste il cliente fin dall'invio della domanda all'INPS.

Legge 104/92

I soggetti affetti da disabilità possono chiedere il riconoscimento dei benefici previsti dalla Legge 104/92, tra cui la possibilità di usufruire di permessi lavorativi per sé stessi e per i propri familiari.

Indennità di accompagnamento

Oltre all’invalidità civile, le persone non autonome o non in grado di deambulare possono chiedere il riconoscimento del diritto all’indennità di accompagnamento ex L. 18/80. Anche in tal caso lo Studio Orlando assiste i clienti fino all'ottenimento del beneficio economico mensile.

Indennità di frequenza

L’indennità di frequenza è la prestazione assistenziale per gli invalidi minori di 18 anni affetti da disabilità e quindi incapaci di svolgere i compiti propri dell'età. Gli avvocati di Studio Orlando lavorano con professionalità per aiutare genitori e tutori legali fin dalla presentazione della domanda amministrativa all' INPS.

Infortunio e Malattia professionale INAIL

I lavoratori che hanno subito un infortunio o hanno contratto una malattia a causa dell'attività lavorativa possono chiedere l'indennizzo o la rendita all'INAIL. Lo Studio Orlando assiste i lavoratori in tutte le fasi della relativa procedura.

I nostri professionisti

Gennaro Orlando

Gennaro Orlando, Avvocato dal 1994 e patrocinante in Cassazione e dinanzi a Giurisdizioni Superiori dal 2008, Fondatore dello Studio Legale Orlando.

Ileana Tammaro

Avvocato dal 1999, Senior Partner dello Studio Legale Orlando, ha maturato grande esperienza professionale nell'ambito del diritto civile, ed in particolare del diritto di famiglia, del diritto previdenziale e in materia di risarcimento danni da responsabilità sanitaria.

Paola Tammaro

Avvocato dal 2011, Partner dello Studio Legale Orlando, svolge la propria attività professionale nell'ambito del diritto previdenziale e del diritto del lavoro.

Federica De Angelis

Praticante Avvocato, attualmente si occupa dei giudizi in materia di risarcimento del danno da eccessiva durata del processo.

Hai sottoscritto una polizza assicurativa vita infortunio o malattia?

Hai sottoscritto una polizza assicurativa a protezione del mutuo o del finanziamento?


In caso di infortunio, malattia o decesso, la compagnia assicurativa potrebbe estinguere in tutto o in partei l tuo debito con la banca o la finanziaria o riconoscerti l'indennizzo previsto dal cosntratto.

Visita il nostro studio

Lo Studio Legale Orlando fornisce in tutto il territorio nazionale assistenza e consulenza legale in materia di Assistenza e Previdenza, risarcimento danni da responsabilità sanitaria, diritto di Famiglia, dei Minori e delle Persone, Condominio, Risarcimento danni per Eccessiva Durata del Processo. 

• Assistenza medico ­legale in sede 

• Iscritto nell’Elenco del Patrocinio a spese dello Stato 

• Patrocinante in Cassazione
Dr.ssa Michela Rossi
Diritto penale
Dr.ssa Michela Rossi
Diritto penale
Dr.ssa Michela Rossi
Diritto penale
Lina Buono
Lina Buono
17 Aprile 2023
Eccellenza
Luigi Marino
Luigi Marino
7 Marzo 2023
Estrama professionalità dello Studio. Studio accogliente e persone sempre disponibili.
Rosaria Esposito
Rosaria Esposito
17 Maggio 2022
Ottima.
MΔR DIM ᴠɪɗєᴏᴘяᴏᴊєᴄᴛ
MΔR DIM ᴠɪɗєᴏᴘяᴏᴊєᴄᴛ
8 Marzo 2022
Grande professionalità gentilezza e disponibilità. Veramente un grande riferimento per tutte le necessità del cittadino. Sto con loro da anni e non li cambierò mai. Il top del top.
Giuseppe Grassia
Giuseppe Grassia
18 Settembre 2021
Buon professioniista

Alcuni dei nostri successi in Tribunale

  • Omessa assistenza sanitaria

    La Sig. D. L., era ricoverata in regime di T.S.O. presso il Servizio psichiatrico del P.O. per “scompenso psicotico di tipo paranoideo con eteroaggressività”. Durante il ricovero cadde dal letto accidentalmente, riportando ecchimosi allo zigote sinistro e frattura dell’estremo distale del radio.

    Pur consigliando l’intervento chirurgico di riduzione e sintesi, i sanitari procedettero soltanto al confezionamento di doccia gessata brachio- metacarpale e la paziente fu dimessa con diagnosi di “bouffé delirante frattura di Colles (polso sinistro)”.
    Al successivo controllo radiologico venivano accertati esiti di frattura scomposta di Colles di polso sinistro con residua deformità del polso e note di artrosi radio-carpica e una mancata limitazione funzionale del polso con una marcata deformazione associate ad un deficit di forza prensile con intensa artralgia.

    Dallo studio del dato documentale ed a seguito dell’esame obiettivo del caso, lo studio Legale Orlando proponeva azione giudiziale al fine di accertare la sussistenza di responsabilità nei confronti del personale del nosocomio, sia per ciò che concerne la carente vigilanza della pz., sia per ciò che attiene agli sfavorevoli esiti anatomo-funzionali ad essa residuati dal mancato trattamento chirurgico.

    Il Tribunale adito, condividendo integralmente la tesi dello Studio Legale Orlando, accertò che tra il mancato intervento chirurgico e gli esiti residuati all’arto superiore sinistro sussistevano elementi di negligenza e imperizia, e riconobbe alla nostra assistita a titolo di risarcimento danni la somma complessiva di euro 17.466,000, oltre agli interessi legali al tasso previsto dal codice civile, dalla data dell’evento dannoso (24.10.2005) sul predetto importo.
    (cfr. Sent. Trib. Napoli del 18/07/19)

  • Caso di intervento chirurgico non correttamente eseguito in ambito oculistico

    Il sig. C. A., all’epoca dei fatti 64enne, sottoposto ad intervento di cataratta e vitrectomia all’occhio destro presso una struttura sanitaria pubblica, riportava uno stato di cecità monolaterale dovuto ad errata esecuzione tecnico-materiale di detta operazione.

    Esaminato il caso dallo Studio Legale Orlando, redatta la perizia da parte dei ns. medici specialisti, è emersa la fondatezza della pretesa del Sig. C., per cui è stata promossa azione giudiziaria al fine di ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e non subiti a seguito di tale evento.

    Il Tribunale ha accertato la responsabilità dei sanitari coinvolti in termini di imperizia e negligenza per aver eseguito l’intervento di vitrectomia senza operare un’accurata e completa rimozione delle fibre vitreali, riconoscendo che le residue condizioni del Sig. C., sia funzionali che anatomiche caratterizzate da un visus spento all’occhio destro, sono collegate ad una inadeguata ed insufficiente gestione delle complicanze occorse a seguito del suddetto intervento.

    Dunque è stata ritenuta fondata la domanda promossa dallo Studio Orlando ed il C. ha ottenuto in via giudiziale quale risarcimento la cospicua somma di € 96.387.000 oltre interessi compensativi come per legge.
    (cfr. Sent. Trib. Napoli del 14/10/2021)

Omessa assistenza sanitaria

La Sig. D. L., era ricoverata in regime di T.S.O. presso il Servizio psichiatrico del P.O. per “scompenso psicotico di tipo paranoideo con eteroaggressività”. Durante il ricovero cadde dal letto accidentalmente, riportando ecchimosi allo zigote sinistro e frattura dell’estremo distale del radio.

Pur consigliando l’intervento chirurgico di riduzione e sintesi, i sanitari procedettero soltanto al confezionamento di doccia gessata brachio- metacarpale e la paziente fu dimessa con diagnosi di “bouffé delirante frattura di Colles (polso sinistro)”.
Al successivo controllo radiologico venivano accertati esiti di frattura scomposta di Colles di polso sinistro con residua deformità del polso e note di artrosi radio-carpica e una mancata limitazione funzionale del polso con una marcata deformazione associate ad un deficit di forza prensile con intensa artralgia.

Dallo studio del dato documentale ed a seguito dell’esame obiettivo del caso, lo studio Legale Orlando proponeva azione giudiziale al fine di accertare la sussistenza di responsabilità nei confronti del personale del nosocomio, sia per ciò che concerne la carente vigilanza della pz., sia per ciò che attiene agli sfavorevoli esiti anatomo-funzionali ad essa residuati dal mancato trattamento chirurgico.

Il Tribunale adito, condividendo integralmente la tesi dello Studio Legale Orlando, accertò che tra il mancato intervento chirurgico e gli esiti residuati all’arto superiore sinistro sussistevano elementi di negligenza e imperizia, e riconobbe alla nostra assistita a titolo di risarcimento danni la somma complessiva di euro 17.466,000, oltre agli interessi legali al tasso previsto dal codice civile, dalla data dell’evento dannoso (24.10.2005) sul predetto importo.
(cfr. Sent. Trib. Napoli del 18/07/19)

Caso di intervento chirurgico non correttamente eseguito in ambito oculistico

Il sig. C. A., all’epoca dei fatti 64enne, sottoposto ad intervento di cataratta e vitrectomia all’occhio destro presso una struttura sanitaria pubblica, riportava uno stato di cecità monolaterale dovuto ad errata esecuzione tecnico-materiale di detta operazione.

Esaminato il caso dallo Studio Legale Orlando, redatta la perizia da parte dei ns. medici specialisti, è emersa la fondatezza della pretesa del Sig. C., per cui è stata promossa azione giudiziaria al fine di ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e non subiti a seguito di tale evento.

Il Tribunale ha accertato la responsabilità dei sanitari coinvolti in termini di imperizia e negligenza per aver eseguito l’intervento di vitrectomia senza operare un’accurata e completa rimozione delle fibre vitreali, riconoscendo che le residue condizioni del Sig. C., sia funzionali che anatomiche caratterizzate da un visus spento all’occhio destro, sono collegate ad una inadeguata ed insufficiente gestione delle complicanze occorse a seguito del suddetto intervento.

Dunque è stata ritenuta fondata la domanda promossa dallo Studio Orlando ed il C. ha ottenuto in via giudiziale quale risarcimento la cospicua somma di € 96.387.000 oltre interessi compensativi come per legge.
(cfr. Sent. Trib. Napoli del 14/10/2021)

Hai già un appuntamento con il nostro team? Visualizza le tue prenotazioni.

Contattaci

Orari

Lun-Mer: 09–13, 16–19
Mar-Gio: 09–17
Ven: 16–19

Recapiti telefonici

Tel.+39 0815585800
Fax. +39 0812207372

Chiedici una pre-valutazione gratuita per il tuo caso

pencilstarenvelopegraduation-hatuserusersphonepushpinheart-pulsebriefcasewheelchairmustacheclockchevron-downhand